4 Zampe You Donna

#maipiù – Petizione per una Legge contro gli avvelenamenti

L’Ordinanza del Ministero della Salute non basta ad arginare questo fenomeno criminale che purtroppo non accenna a fermarsi ma continua a dilagare in tutta Italia. Rosati: l’avvelenamento è il modo più subdolo, vigliacco e crudele per uccidere. Con la vostra firma possiamo chiedere una legge nazionale definitiva, pene più severe e una efficace tracciabilità della compravendita di tutti quei veleni facilmente reperibili sul mercato come topicidi e lumachicidi.

Il 10 dicembre si celebra come ogni anno la Giornata Internazionale per i Diritti Animali, una ricorrenza fissata nella stessa data della stesura della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani proprio per cercare di accorciare le distanze tra l’uomo e l’animale ed estendere i concetti di giustizia, libertà e rispetto a tutte le specie viventi senza distinzione.

Quest’anno, in occasione di questa importante giornata, LNDC Animal Protection ha deciso di lanciare una petizione su un argomento urgente e molto importante: la necessità di una legge contro la preparazione e l’uso di esche e bocconi avvelenati che uccidono ogni anno centinaia di animali. Attualmente questa “usanza” criminale è regolamentata e sanzionata da un’Ordinanza del Ministero della Salute che da alcuni anni viene rinnovata ma che non basta ad arginare il problema. I casi di animali – domestici e selvatici – avvelenati sono sempre più frequenti e rappresentano una vera e propria piaga a livello nazionale.

Le violenze sugli animali sono purtroppo all’ordine del giorno”, ricorda Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection, “ma l’avvelenamento resta il modo più subdolo, vigliacco e crudele per uccidere. L’animale, attirato dalla fame, mangia fiducioso il boccone che poi in realtà lo porterà a morire tra sofferenze davvero atroci e una lenta agonia. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un’escalation di questo genere di uccisioni e abbiamo denunciato tantissimi casi in tutta Italia”.

Pensiamo sia necessario che lo Stato si doti finalmente di una legge nazionale che recepisca e rafforzi i contenuti dell’Ordinanza ministeriale attualmente in vigore e che stabilisca più efficaci sanzioni penali e amministrative, costituendo un vero deterrente per questo tipo di condotte. Allo stesso tempo, è opportuno che venga garantita una efficace tracciabilità di chi acquista tutti quei veleni facilmente reperibili sul mercato, come i topicidi e i lumachicidi, in modo da agevolare le indagini. Non è più possibile affidarsi a una semplice Ordinanza che da un momento all’altro potrebbe non essere più prorogata. L’abbandono di sostanze tossiche rappresenta un serio rischio anche per la popolazione umana, per i bambini, per l’ambiente e per la fauna”, commenta Michele Pezone – Responsabile LNDC Diritti Animali.

Abbiamo deciso quindi di avviare una petizione indirizzata al Parlamento e al Governo per dimostrare che questo argomento è sentito da tantissime persone e deve essere una priorità per difendere gli animali, l’ambiente e i cittadini. Grazie alle vostre firme potremo fare pressione affinché questo genere di comportamenti ricevano la giusta punizione e magari aprire la porta per pene più severe in generale. Nel frattempo, è importante che chiunque venga a conoscenza di un avvelenamento di animale, di sua proprietà o meno, sporga immediatamente denuncia presso le autorità competenti”, conclude Rosati.

 

Firma anche tu clicca qui

Redazione You Donna

You Donna è un sito che ti tiene sempre informato sulle ultime notizie dedicate alle donne.

Lascia un commento

Clicca qui per lasciare un commento

Pubblicità

Pubblicità

unicef

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

Oroscopo