Primo Piano Tecnologia

Guardare la TV in streaming: la novità degli ultimi anni

Abbiamo una serata libera e in TV non c’è proprio nulla, ma vogliamo comunque rilassarci sul divano di casa. Un tempo avremmo approfittato dei numerosi noleggi di DVD che erano presenti in città, oggi nella maggior parte dei casi chiusi da tempo. La motivazione? La nuova frontiera della televisione è lo streaming online, grazie alle molteplici piattaforme disponibili in Italia.

Cosa si intende per streaming
Parlare di streaming fino ad alcuni anni fa significava trattare di un’attività completamente illegale, che contravveniva alle leggi sul copyright. Lo streaming è una modalità di visione di contenuti multimediali, che utilizza la rete internet e permette di guardare un fil, un video, un documentario, che rimane sul sito da cui lo si sta guardando, quindi senza scaricarlo. Oggi sono disponibili numerose piattaforme che consentono di fare ciò, senza contravvenire ad alcun copyright. L’utente infatti paga una quota, in abbonamento mensile o annuale, o anche per il singolo contenuto, che va a coprire il costo del copyright. Chi desidera guardarsi un bel film durante una serata nebbiosa quindi non ha solo le opportunità trasmesse dai principali canali TV, ma anche ampi cataloghi multimediali da cui scegliere.

Cosa vedere in TV
Per vedere un contenuto in streaming è necessario avere a disposizione una Smart Tv, che si possa quindi connettere alla rete internet e che dovrà avere una buona velocità. La fibra sarebbe l’optimum, ma una buona connessione a banda larga va già più che bene. Per quanto concerne cosa vedere in streaming in Italia molto dipende da ciò che si preferisce. Ci sono famiglie con figli che sicuramente saranno felici di guardare Gli incredibili 2; chi invece è appassionato di cinema potrebbe gradire uno dei grandi film degli ultimi 30 anni. Come dicevamo, l’offerta è decisamente ampia e comprende anche numerosissime serie TV, alcune delle quali sono passate in sordina quando sono state trasmette sulla TV tradizionale, oggi invece sono dei veri e propri cult.

Abbonamento o on demand
In linea di massima la maggior parte dei servizi di tv in streaming disponibili per l’utente italiano funzionano con un abbonamento, mensile o annuale a seconda dei casi. In pratica ci si abbona ad un servizio, che poi si potrà utilizzare come e quando sic rede durante il periodo di durata dell’abbonamento. Ci sono poi servizi ancora più rivoluzionari, come ad esempio Chili; si tratta di una piattaforma di streaming tutta italiana, che non richiede alcun tipo di abbonamento. L’utente che attiva il proprio account paga solo per il singolo contenuto che vuole vedere, “noleggiandolo”, oppure lo può scaricare sulla pagina del proprio account, “acquistandolo”. I costi sono decisamente minimi, cosa che consente di vedere anche più contenuti nel corso della medesima serata.

Come vedere un contenuto in streaming
Per usufruire di questo tipo di contenuti è sufficiente scegliere il servizio che ci interessa di più e attivare il proprio account, cosa che in genere si fa all’istante. In seguito si potrà scegliere dal catalogo e visualizzare ciò che si desidera.

Pubblicità

Pubblicità

unicef

Seguici sui social!

RSS
Facebook
Facebook
Twitter
INSTAGRAM

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

Cinema

Oroscopo


Pubblicità