Lavoro Primo Piano

Costo del Notaio: ma cosa paghiamo esattamente?

Da quali voci è composto il Costo del Notaio? E cosa andiamo a pagare esattamente? Alcune indicazioni per capire in cosa consistono le spese notarili

La parcella del Notaio, lo sappiamo tutti, è spesso percepita dall’opinione pubblica come “salata”: ma sappiamo davvero come è composto il costo del Notaio? E, con questa consapevolezza, questo luogo comune rimarrebbe valido o verrebbe rivisto alla luce delle nuove conoscenze? Molto probabilmente sarebbe vera la seconda ipotesi: spesso è proprio la mancata conoscenza del suo ruolo a portare a non comprendere fino in fondo il costo del Notaio.

 

Cosa comprende il costo del Notaio

Spesso quello che percepiamo del lavoro del Notaio sono i fogli (non di rado molti!) di cui viene data lettura in nostra presenza e che sottoscriviamo sempre di fronte al Notaio stesso. Insomma, una serie di formalità cui forse non diamo la necessaria attenzione e che forse non comprendiamo neanche bene fino in fondo. In realtà hanno un significato ben preciso, che si lega a doppio giro anche al costo del Notaio, in quando sono profondamente legate proprio al senso della sua professione che, potremmo dire, ha come scopi principali la difesa della legalità e la tutela del cittadino. Quando pensiamo al costo del Notaio dobbiamo infatti riferirci al significato stesso dell’esistenza di questa professione, che ha un ruolo molto importante nel vivere civile e anche nella prevenzione dei contenziosi.

Quando ci rivolgiamo a un Notaio saremo dunque innanzitutto sicuri che l’atto che andremo a sottoscrivere sarà in tutto e per tutto rispettoso delle leggi vigenti, ma anche che questo professionista provvederà a tutelare i miei interessi allo stesso modo di quelli della mia eventuale controparte, indipendentemente da chi sarà alla fine a pagare il costo del Notaio: per questo si usa dire che è “super partes”, “al di sopra delle parti”, appunto e non può quindi favorire uno dei convenuti rispetto all’altro o agli altri qualsiasi sia il motivo.

 

Costo del Notaio e consulenza

Un altro aspetto che viene spesso sottovalutato è quello del patrimonio di conoscenze cui accediamo quando abbiamo a che fare con un Notaio: sia gli studi effettuati sia la sua esperienza lo rendono infatti con tutta probabilità il miglior consulente che possiamo avere a nostra disposizione per le materie che ricadono sotto la sua competenza. Spesso gli atti e le questioni di cui si occupa il Notaio sono complessi e richiedono di tenere presenti diverse condizioni simultaneamente, rendendo l’applicazione pratica delle norme ben più complessa di quanto sembra sulla carta.

Ecco perché avere l’opportunità di rivolgerci a uno specialista che sappia consigliarci per il meglio e, nello stesso tempo, come abbiamo detto, sempre nel pieno rispetto della legalità, è un vantaggio che dovremmo sfruttare al massimo: anche perché conoscenze ed esperienza lo portano spesso a vedere eventuali problematiche che potrebbero presentarsi sia nel breve sia nel lungo termine e di cui magari non avevamo tenuto conto o di cui non eravamo pienamente consapevoli.

 

Il peso di tasse e imposte nel costo del Notaio

Un’ultima annotazione tra le molte che si potrebbero fare riguardo il costo del Notaio è il peso che su di esso hanno tasse e imposte: in qualità di sostituto d’imposta infatti il Notaio è chiamato a riscuoterle così come stabilito dalle normative vigenti e a versarle a nome nostro nelle casse dello Stato. Questa voce può essere anche molto pesante (come, ad esempio, quando si tratta di una compravendita immobiliare, specie se non soggetta a Iva) e dunque influire notevolmente sul conto finale del Notaio.

Pubblicità

Pubblicità

Seguici sui social!

RSS
Facebook
Facebook
Twitter
INSTAGRAM

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

Cinema

Oroscopo


Pubblicità