Sardegna: una terra da assaporare, gustare e sorseggiare

Sardegna: una terra da assaporare, gustare e sorseggiare

Secondo i primi dati elaborati relativi alle prenotazioni delle vacanze estive 2018, la Sardegna si riconferma tra le regioni più ambite dagli italiani per le loro prossime ferie all’insegna di relax e divertimento. Una terra che riesce ad imporsi grazie allo straordinario fascino dei suoi luoghi ma anche per la sua ricca tradizione enogastronomica che la rende una meta appetibile da coloro che cercano qualcosa in più rispetto alle solite vacanze sole e mare.

 

La Sardegna si mostra agli occhi dei turisti come un affresco caratterizzato dalla presenza di percorsi, vitigni autoctoni minori, itinerari del gusto, street food, antiche ricette che si intrecciano con le ultime tendenze in fatto di alta cucina. Enti, istituzioni e strutture ricettive sono tutte concentrate nel pubblicizzare questo immenso patrimonio territoriale al fine di valorizzare lo stesso durante questo 2018, che è stato proclamato “anno del cibo italiano” dal Ministero dei Beni Culturali. Un’occasione in più per tutti i turisti di scoprire ancora di più di questo bellissimo e ricco territorio, che ora più che mai è facilmente raggiungibile grazie ai traghetti economici che Moby mette a disposizione di tutti coloro che vogliono raggiungere l’isola via mare. Una completa offerta di trasporto che prevede partenze dai principali porti italiani quali: Genova, Livorno, Piombino, Civitavecchia, Napoli e Bonifacio e che permettono di approdare nelle diverse zone della Sardegna quali: Olbia, Arbatax, Porto Torres, Cagliari e Santa Teresa di Gallura, il tutto utilizzando navi moderne e che offrono ogni genere di comfort.

 

La Sardegna emerge quindi non solo come meta ambita per le proprie vacanze da sogno grazie alla presenza di splendide spiagge, dell’entroterra unico e delle sue bellezze naturalistiche e paesaggi che non hanno niente da invidiare a luoghi ben più rinomati. In questa regione trova spazio anche l’archeologia, con la necropoli punica di Tuvixeddu a Cagliari ma il fil rouge di questa terra è sicuramente il comparto enogastronomico.

 

A partire dalle sue dieci proposte della tradizione gastronomica che permettono di avere un’esperienza sensoriale davvero incredibile, parliamo di: bottarga, seadas, zafferano, panada, lorighittas, casizolu, culurgionis, suppa cuata e pane Carasau. Ma trova ampio spazio anche il progetto Akinas che si prefigge come scopo quello di valorizzare i vitigni autoctoni minori: Granatza, Girò, Licfronaxiu, che rappresentano un vero e proprio unicum del panorama enologico regionale ma soprattutto un patrimonio di biodiversità da prendere come modello.

 

Il viaggio tra i sapori della Sardegna vede anche tra le tappe obbligatorie la città di Alghero che offre un inconfondibile mix di sapori tra terra e mare, proseguendo poi per la Maddalena dove i turisti possono provare l’esperienza di solcare il mare sulle barche a vela e concedersi degli sfiziosi spuntini in rada a base di ottimo pesce. Per coloro che sono appassionati delle due ruote, l’ideale è affittare uno scooter o una moto e ed immergersi tra le bellezze del Sulcis, dove troverete vecchie miniere, strade panoramiche, percorsi che possono essere intervallati da tappe presso i birrifici artigianali locali che permettono di assaporare gustose bionde, rosse o ambrate in compagnia. Infine c’è anche il territorio del nuorese, che mette a disposizione l’arte e la maestria delle artigiane locali specializzate nella creazione della Filindeu, una pasta fatta a mano con una tecnica antica e unica al mondo.

 

 

 

Redazione You Donna

You Donna è la sezione donna che ti tiene sempre informato sulle ultime notizie dedicate alle donne.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *