Psicologia: quando la coppia muore? Si tratta di un maschio “Hollywoodiano” – Il consumismo alle porte di un’epoca sbracata –

Psicologia: quando la coppia muore? Si tratta di un maschio “Hollywoodiano” –	Il consumismo alle porte di un’epoca sbracata  –

Quando pensiamo di conoscere una persona in fondo non l’abbiamo mai conosciuta perché il conoscere non ha l’orario, il tempo, la misura e l’ostacolo, a maggior ragione se c’è stata una relazione e ci siamo fidati di un incognito. Conoscere una persona non è un errore ma l’errore cade nel dare volutamente una fiducia che poi si mostra sfiduciante, in quanto il consumismo della società regredisce così velocemente che i non-comuni intesi come non-associati o alieni della società fanno fatica ad adattarsi e per cui quando pensano che tutto è perfetto, si sentono le prime campane o meglio stonano sulle righe di un rapporto di coppia che credevano fosse vero e naturale. L’errore a cosa lo attribuiamo? A. A esseri alieni non associati e fuori il comune?, B. al carattere della moda?, C. A un voler essere superiore all’altro che si ha di fronte?, D. Non è stato abituato a stare nella società e quindi non riesce a immaginare il futuro con un rapporto di coppia?, E. Dipende dai vizi che la base famigliare gli ha trasmesso, e pertanto il rapporto di coppia è per lui un gioco o fuori luogo?, F. E’ troppo deluso dalle persone e ha paura ad affrontare una relazione?, G. Altro.

Si tratta di campioni maschili italiani sempre più vicini a un modello alla “Hollywoodiano” che non raggiungeranno mai. Il loro ideale è quello di essere “sulle righe” o banalmente come tutti gli altri esseri alla moda dal carattere stronzo, patetico, meccanico, semplice, vuoto e diretto e peccaminoso, non riescono letteralmente ad approcciarsi serenamente a una prole. Le proli tecnicamente hanno dei punti di vista chiamati “caratteri”. Ho preso dei campioni “caratteri” per analizzare cosa succede nei rapporti di una coppia e ho relazionato che semplicemente lo snob supera il carattere maschile, non solo, l’apparenza è quella che conta di più per gli uomini sia di alto rango, sia medio e basso guarnendolo poi con le bugie di turno. E altri caratteri: il tuo lui ha un posto fisso? Stai sicura che ti mollerà perché si deve divertire e restare il quanto possibile solo perché per lui la donna oggi è troppo intraprendete, non riesce a gestirla ed è “rompi-coglioni”. La relazione dura davvero poco come tre giorni o massimo una settimana.

È un libero professionista? Ti mollerà a breve perché i suoi problemi non puoi capirli e risulti sempre rompicoglioni (un termine volgare che usano molto spesso gli uomini). La relazione durerà una settimana o massimo un mese.

È disoccupato? Non ti lascerà quasi mai perché cerca una sicurezza. La relazione dura un anno oppure per anni in un tempo che non sappiamo ma potrà al 98% terminare.

Su questi casi non ci assicuriamo il per sempre in una coppia perché sappiamo che l’uomo è portato a stancarsi nell’epoca in cui ci troviamo e magari la femmina che chiama “rompi-coglioni” la sostituisce con altro, per lui siamo oggetti, soprammobili da vetrina perché non vuole essere rimproverato, non li piace assolutamente discutere e neppure condividere o sforzarsi di pensarla. L’amore è quasi inesistente in tutti i tipi di rapporti attuali perché non lo si conosce davvero e si spacca letteralmente in due e se minimamente uno dei due riesce ad accostarsi a quello che è l’amore viene volgarmente scaricata/o. L’amore per sempre è quello che esiste solo nelle favole ai tempi d’oggi: cruda realtà. L’amore bisogna costruirlo e spesso anzi molto spesso i ragazzi hanno bisogno di una guida all’istruzione e alle regole sia dei meccanismi sia del rispetto altrui in quanto sono sbracati del tutto e esagerati come esagerato è un sentimento non riconosciuto e che lasciano tramite non un sms ma un whatsapp o adirittura social Fb.

Gli uomini pensano troppo o sono le donne che sognano l’amore? Questi caratteri svelano la natura dell’essere solo e non capito. La donna non cerca un uomo stronzo se colui la corteggiasse come i tempi che son passati ovvero quelli dei nostri genitori e i nostri nonni, la società non si applicherebbe molto a lasciarsi tramite una via statica-elettronica. Non si usa più neppure chiamarsi per un addio. E allora siamo animali o essere umani? Si può trattare una donna con egoismo solo perché l’uomo ha deciso di fotterci con la sua astuzia? A voi i commenti.

 

Rosa Santoro

Redazione TgYou24.it

Tgyou24.it è un quotidiano online che ti tiene sempre informato sulle ultime notizie.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked. *